martedì 6 gennaio 2009

BEFANA SENZA PAURA

La Befana sul fiume Lambro, Agliate 2009



...rinuncerò a essere madre della notte e dell'uscurità, portatrice di paura. Rinuncerò così a metà del mio essere, e apparirò solo come buona e rassicurante...

C'è una paura che è la sana reazione di fronte al pericolo, un segnale fisico che si manifesta nella velocità del battito cardiaco, nel brivido. questa è in fondo una buona consigliera.
C'è una paura, ancora più profonda, di fronte a un pericolo molto più vago e indistinto; una paura invasiva. Non sai da dove venga, una paura della quale non sai determinare la causa. Eppure anche l'angoscia in fondo può essere un'amica, come altri difficili amici, richiama a un atteggiamento più vigile e più autentico nei confronti della nostra esistenza.
C'è una terza paura, diversa e pervasiva, è la paura di oggi, che respiriamo e che ci intossica giorno per giorno come veleno. E' una paura che fa solo male, perchè non preserva e non interroga, ma comanda e spinge a obbedire ai signori, al governo della paura.

3 commenti:

wood ha detto...

AUGURI TESORINA BELLA!!
come stai?? hai passato buone feste? non mi lamento ma potevo evitare di farmi venire l'acetone con il cioccolato..bleach!!
porca puzzola, postare un commento nel tuo blog porta all'esasperazione..non è che ci sono troppe password di sicurezza da inserire? sai com'e' a volte magari vuoi fare veloce e rinuci ..
vedi un po' che puoi fare

baci baci
wood

Campanellino ha detto...

Ma davvero servono delle password???
Io non ho fatto niente... adesso controllo ;)

uazzi ha detto...

Auguri cara!!!! :)
Sono tornata...